Controsoffitto per l’illuminazione: i progetti più belli

Nel momento in cui non ne puoi più di vedere punti luce costituiti semplicemente da un lampadario a sospensione, considera progetti di illuminazione più particolari e ricercati come quelli che sfruttano le controsoffittature. Questi sono secondo noi i progetti più belli in assoluto che puoi copiare per far risaltare ancora di più il tuo buon gusto e stile.

I faretti incassati

Fai realizzare, anzitutto, dei controsoffitti a Roma per installare dei faretti incassati. Il controsoffitto ancorato al soffitto preesistente crea un’intercapedine in cui diventa facile nascondere i fili elettrici e le strutture di supporto del faretto affinché si veda solo la superficie che proietta il fascio luminoso.

Il plafone in cartongesso

Grazie ai controsoffitti a Roma realizzati in cartongesso, pensa a dei plafoni. In sostanza, si installano delle strutture ancorate al soffitto preesistente andando a creare cornici, sezioni e altre forme particolari. L’esterno del cartongesso viene intonacato per uniformarsi e sembrare in tutto e per tutto una parte in muratura. Possono sia essere rigorose e geometriche che più sinuose e curve in base al risultato che vuoi ottenere. Tieni comunque presente che quelle lineari sono più facili da realizzare rispetto alle linee curve. Che si tratti di uno dell’altro caso, la luce è poi proiettata dal plafone sfruttando delle strisce led nascoste. L’effetto finale è davvero incantevole, in grado di impreziosire soffitti spogli e regalare all’ambiente un’estetica più curata.

Combinazioni tra i due

Dai vita a un progetto ancora più ricercato e particolare Combini tra di loro i plafoni e i faretti nascosti. Si tratta di creare diverse zone del soffitto all’interno del quale alcune avranno i faretti incassati ed altre strisce a led nascoste. Considera questi progetti soprattutto quando si tratta di grandi spazi della casa come l’open space che unisce living e cucina e, a volte, anche l’ingresso di casa con lo scopo di delimitare comunque le zone e dividere lo spazio in base all’uso che se ne fa. Ad esempio, i faretti sono adatti in cucina, in ingresso e in corridoio mentre nel living si preferisce il plafone.